Perché Maria di Nazareth col titolo di AUSILIATRICE?

Don Bosco confidò un giorno ad uno dei suoi primi Salesiani, don Giovanni Cagliero:2-immagine-per-notizia

 “La Madonna vuole che la onoriamo sotto il titolo di Ausiliatrice. I tempi corrono così tristi che abbiamo bisogno che la Vergine Santa ci aiuti a conservare e difendere la fede cristiana”.

Il titolo di Ausiliatrice non è stato un’invenzione di don Bosco, o della sua grande devozione a Maria; esisteva fin dal 1500 nelle Litanie Lauretane. Papa Pio VII istituì la festa di Maria Ausiliatrice nel 1814 e la fissò per il 24 maggio.

Il Santuario di Maria Ausiliatrice, inaugurato a Torino il 9 giugno 1868, e che quest’anno compie 150 anni, è stato voluto da don Bosco e da lui dedicato a Maria, invocata dal santo dei giovani come Ausiliatrice. Don Bosco aveva iniziato nel quartiere Valdocco le sue attività a favore dei ragazzi fin dal 1846 nella Tettoia Pinardi; negli anni le attività si moltiplicarono e Valdocco divenne il centro propulsore della nascente Congregazione dei Salesiani.
Volendo affidare alla protezione di Maria tutti i suoi ragazzi e le sue attività, il futuro santo pensò di far costruire un Santuario dedicato a lei.

immagine-per-la-notiziaDon Bosco stesso raccomandava ai suoi Salesiani che, in qualunque parte del mondo si recassero, propagassero la devozione a Maria con il titolo di Ausiliatrice. Per questo oggi si parla di Maria Ausiliatrice come della Madonna di Don Bosco.

Sotto la materna protezione di Maria don Bosco pose gli Istituti religiosi da lui fondati: la Congregazione di San Francesco di Sales, sacerdoti e Salesiani di don Bosco; le Figlie di Maria Ausiliatrice, suore fondate con la collaborazione di Santa Maria Domenica Mazzarello, i Salesiani Cooperatori, laici e sacerdoti che intendono vivere lo spirito di Don Bosco.

L’Ausiliatrice è inscindibile dalla Famiglia Salesiana che oggi continua a sentirla come Madre e Maestra ed è sicura della Sua presenza quotidiana!

Questa voce è stata pubblicata in Old. Contrassegna il permalink.